Evento Speciale: Documentario

Searching Eva

Regia:
Pia Hellenthal
Attori:
con Eva Collé
Orari:
dal 26.11 al 27.11

Mar. 26
ore 21:00
Mer. 27
ore 21:00
Durata:
85'
Trama:

Eva - 25 anni - vagabonda, sbandata, berlinese, poetessa padrona di un animale domestico, sex worker, vergine, ex tossicodipendente, casalinga, femminista, modella - ha dichiarato, quando aveva 14 anni, che il concetto di privacy è ormai superato. Il film è il racconto di una donna cresciuta nell’era di Internet che ha deciso di fare della sua crescita personale uno spettacolo pubblico sfidando le convenzioni e il concetto comune di ciò che “una donna dovrebbe essere”.

Nel periodo in cui Searching Eva ha visto la sua prima mondiale al Biografilm Festival in rete era decisamente trendy l’unboxing. In cosa consiste?

Consiste nello spacchettare un prodotto che si è acquistato davanti alla webcam e commentare quindi il contenuto dell’involucro in condivisione. Eva di fatto da tempo ‘spacchetta’ se stessa e la propria esistenza. Si mette a nudo in senso sia letterale che figurato. Però viene un dubbio: e se avesse avuto ragione Gilles Deleuze quando affermava: “Quando non abbiamo più segreti, non abbiamo niente da nascondere. Noi stessi siamo diventati un segreto, siamo noi stessi che ci nascondiamo?”

È il quesito che sembra porsi Pia Hellental nel momento in cui decide di riprendere, senza porsi alcun problema di continuità, il flusso esistenziale della sua protagonista. Né Eva (pseudonimo), né i suoi familiari, né le altre persone che entrano in contatto con lei sembrano avere alcuna remora nell’essere riprese quasi che il suo magnetismo le coinvolgesse nell’operazione. Perché di un’operazione di raffinato mimetismo sembra trattarsi e la regia e il montaggio (in particolare nel finale) sembrano volerlo sottolineare